Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono inoltre installati cookie tecnici di terze parti. Cliccando sul pulsante Accetto oppure continuando la navigazione del sito, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie.
Per maggiori informazioni, anche in merito alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.

Job.Scuola.Idee

raccolta di idee e strumenti per una DIDATTICA moderna

 

Va subito detto che il libro di Francesco Busato mi è piaciuto, è scritto in modo scorrevole, si legge tutto d’un fiato, visto poi che non è suddiviso in capitoli che ne frammentano il contenuto. Se si parte con la lettura, per comprenderlo, bisogna arrivare a leggerlo fino in fondo.

 

Proprio perché io l’ho letto “fino in fondo”, il volume mi ha posto alcune domande. Anch’io infatti ho abitato a partire dai nove anni nel quartiere Oltreagno (per me l’indicazione è sempre stata quella, e non ricordo quando ho sentito parlare per la prima volta di “città sociale”, forse, in seguito gli studi di Erseghe). Io provenivo da via Don Bosco, solo a 100 m dalla chiesa di San Clemente e dentro di me il centro di Valdagno è sempre stato quello, con le sue tradizioni, le botteghe, le fastose cerimonie liturgiche come la processione del venerdì Santo e della Madonna del Rosario, il luogo delle prime marachelle combinate all’oratorio, allora, PIO  X, come “fanciullo cattolico”; mi sono nutrito di tutte le grandi avventure di Salgari dalla biblioteca parrocchiale circolante... Per dire che, pur abitando in Oltreagno, insomma, la mia prima socializzazione non è avvenuta lì. Tutto questo mi porta a pensare di aver sempre vissuto la compagnia dei “ragazzi della Rinascente” come qualcosa che non mi è mai appartenuto. Va tenuto però presente che io ho qualche anno più di Francesco.

 

Il libro di Francesco Busato ha un taglio e una linea direttrice che vanno subito compresi, pena una distorsione, e forse anche altre incomprensioni nella lettura.  L’autore ha avuto una felicissima intuizione: un immaginario dialogo lungo per tutto il pranzo tra lui, pre-adolescente e il Conte.

Da questo fatto, realmente avvenuto, si sviluppa un immaginario dialogo tra lui e l’ospitante, un dialogo lungo tutte le 181 pagine del libro che tocca tanti temi e tanti momenti dell’esperienza “urbanistico-sociale” dell’industriale Marzotto soprattutto del quartiere a Nord del teatro Rivoli e quasi a ridosso della fabbrica dove l’autore vive tuttora, indicato, chissà perché, dal nome della “Rinascente”, vecchia e nuova.

Attenzione: non tra lui e l’industriale Gaetano Marzotto, ma tra lui, con la compresenza dei genitori e della zia, e il CONTE (così lo indica sempre Busato) che, per Valdagno, è sempre stato molto di più di un importante industriale che dà lavoro ai propri dipendenti, perché il “Conte” dà un senso all’appartenere a Valdagno. Un racconto-saggio che, partendo dai ricordi degli anni delle medie, diventa via via una riflessione (e una analisi) dell’autore su quel particolare quartiere di Valdagno e su ciò che ha rappresentato nella propria personale crescita.


SITO INDIPENDENTE sponsorizzato da "Didatec"   

© Didatec di Urbani Francesco - Via Galvani, 33 - 36078 Vladagno (VI) P.I. 03601840246

Cerca

Esercizi

Job Scuola, propone in via sperimentale una serie di esercizi GRATUITI di Matematica per la Scuola Elementare e Invalsi (già attivi) e per la Scuola Media (in costruzione).

Gli esercizi di matematica vengono proposti come ripasso ed esercitazione per migliorare la velocità di elaborazione, come ripasso prima del ritorno a scuola e per il recupero scolastico.

Se trovate qualche errore Vi saremo molto grati per una segnalazione; scrivete qui; grazie.

SPONSOR

Tecnologie per la didattica.

 

Collabora con noi !!

 

 

Aiutaci ad arricchire, in base alle tue esperienze nella formazione, questo sito, proponendo articoli sulle tematiche della scuola che ritieni interessanti per proporre una didattica alternativa, più moderna e più efficace. Raccogli e invia le tue idee, i tuoi progetti, le tue riflessioni per far crescere il mondo dell'appren dimento anche con i tuoi contributi.

RSS
SITO INDIPENDENTE sposorizzato da "Didatec"  Internet provider