Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono inoltre installati cookie tecnici di terze parti. Cliccando sul pulsante Accetto oppure continuando la navigazione del sito, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie.
Per maggiori informazioni, anche in merito alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.

Job.Scuola.Idee

raccolta di idee e strumenti per una DIDATTICA moderna

È possibile in qualche modo valutarlo?

Opportunamente ci possiamo servire delle SCALE DI VALUTAZIONE del dolore, in base a queste scale, (ce ne sono moltissime) ma io penso che si debbano usare le scale facilmente applicabili, intuitive, come la scala numerica che preferisco. Le più note sono le scale unidimensionali che valutano un solo parametro, l’intensità’ del dolore.

1 - NRS: scala numerica (fatto 0 nessun dolore e 10 il peggior dolore possibile, immaginabile, il paziente viene invitato ad esprimere con un numero la sensazione dolorosa di quel preciso momento) in base a questa scala il dolore viene” etichettato “come dolore lieve (1. 4) lieve, moderato (5. 6), severo ( 7. 10).

2)VAS scala analogico. visiva i medici più attrezzati hanno un regolo diviso in millimetri: da 0 nessun dolore a 100 mm massimo dolore possibile) il paziente ferma il cursore nel punto più vicino o lontano dal punto 0-100

3) In Pediatria si utilizza una scala rappresentata da 6 faccette il primo volto sorridente e via via volti tristi e assai tristi con ultimo volto tristissimo (lacrimoni agli occhi) massimo del dolore.

La PAINAD (Scala Multidimensionale) si usa con pazienti non collaboranti (es. affetti da demenza) e utilizza la semeiotica del dolore inserendo 5 parametri per ognuno dei quali è stabilito 1 punteggio

Il medico o l’infermiere osservano il paziente e in base ai parametri di riferimento: respirazione, vocalizzazione, espressione del volto, linguaggio del corpo, conso labilità del paziente) stilano un punteggio:

da 0 a 1 dolore assente, da 2 a 4 dolore lieve, da 5 a 7 dolore moderato, da 8 a 10 dolore severo

Le scale sono utili perché possiamo renderci conto se la terapia che stiamo facendo ha un risultato o meno e anche perché l'OMS consiglia anche quali farmaci usare per i vari gradi di dolore cronico. Ma, a dirla tutta, come dovrebbe essere sempre in medicina, la terapia dovrebbe essere cucita addosso ad ogni singolo paziente in altri termini personalizzata.

Termino questo mia breve introduzione, che penso abbia dato un'idea della complessità del problema, con una riflessione. Lo sappiamo tutti che curare non può voler dire solo prescrivere dei farmaci, lo sappiamo tutti ma spesso, me compreso, ce ne dimentichiamo. Prendersi cura del paziente è un’altra cosa “rancurare” sento ogni tanto dire da qualche mio paziente che “gha rancura” il genitore in difficoltà e in questo rancurare spesso c’è tanto amore e un intero universo di sentimenti positivi.

Questo per dire che è necessaria una maggiore alleanza fra medico e paziente e non solo, fra paziente e tutti gli operatori che in qualsivoglia modo si occupano di problematiche sanitarie e socio assistenziali, perché dietro ad ogni paziente ci sono storie, sofferenze, che vanno necessariamente ascoltate, comprese e obbligatoriamente rispettate. Solo cosi potremo dire come operatori sanitari di aver saputo ben “rancurare” i nostri pazienti

Stefano Dall’Ara


SITO INDIPENDENTE sponsorizzato da "Didatec"   

© Didatec di Urbani Francesco - Via Galvani, 33 - 36078 Vladagno (VI) P.I. 03601840246

Cerca

Esercizi

Job Scuola, propone in via sperimentale una serie di esercizi GRATUITI di Matematica per la Scuola Elementare e Invalsi (già attivi) e per la Scuola Media (in costruzione).

Gli esercizi di matematica vengono proposti come ripasso ed esercitazione per migliorare la velocità di elaborazione, come ripasso prima del ritorno a scuola e per il recupero scolastico.

Se trovate qualche errore Vi saremo molto grati per una segnalazione; scrivete qui; grazie.

SPONSOR

Tecnologie per la didattica.

 

RSS
SITO INDIPENDENTE sposorizzato da "Didatec"  Internet provider