Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono inoltre installati cookie tecnici di terze parti. Cliccando sul pulsante Accetto oppure continuando la navigazione del sito, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie.
Per maggiori informazioni, anche in merito alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa.

Job.Scuola.Idee

raccolta di idee e strumenti per una DIDATTICA moderna

di Antonio Boscato

Dico una cosa ovvia: la comunicazione nel processo educativo è il perno è il fondamento di ogni trasmissione del sapere. Ovviamente, viene subito in mente la comunicazione tra insegnante e alunno. Eppure, intuitivamente, comprendiamo che altrettanto fondamentale è la comunicazione tra la scuola e la famiglia.

 

È vero, nelle programmazioni didattiche si da sempre un adeguato spazio al tema della comunicazione tra scuole famiglia, ma questa poi rimane poco sviluppata, e l’assenza dello svolgimento reale si giustifica di volta in volta con le difficoltà di avere una relazione, un rapporto efficace con i genitori troppo impegnati, spesso oberati da problemi di lavoro e personali, mancanti anche di strumenti di base per il dialogo.
Se andiamo a vedere cosa succede nella prassi scolastica, vediamo che la famiglia è coinvolta direttamente dalla scuola soltanto in pochi e occasionali momenti.
La convocazione per la comunicazione di solito avviene, quando la scuola convoca la famiglia per qualche problema di rendimento o disciplinare. Se le cose vanno bene, l’intervento dei genitori non è sollecitato.
Il dialogo insegnante-genitori è individuale, in pratica legata alla materia, e si svolge in qualche incontro rituale (il famoso e forse inutile visitone), oppure è saltuario: si va dall’insegnante quando si può per limiti d’orario, di lavoro rigidità di ricevimento dell’insegnante.

IN conclusione, la scuola investe i genitori di qualche richiesta di collaborazione ma, se l’impegno dell’alunno procede regolarmente, tutto ciò appare quasi accessorio, al contrario, se l’alunno presenta aspetti difficili, spesso da parte del genitore convocato c’è l’allargamento delle braccia e l’affermazione: “Io ci ho provato non so cos’altro fare, veda lei!”
Ovviamente il problema non è facile e va affrontato nella sua complessità.
Quale rapporto c’è tra l’informazione ricevuta dalla scuola e il tipo di risposta che può dare un genitore? Partiamo da un’osservazione di esperienza quotidiana: di solito il genitore va dall’insegnante per “essere informato”.
Ecco un primo aspetto del problema: l’informazione è soltanto l’avvio di una comunicazione, non è la comunicazione! Quello che dovrebbe essere auspicato è che il genitore si recasse dall’insegnante già “informato”, ovviamente per discutere e analizzare gli elementi in possesso della sua informazione, in parole più semplici, ci si augura che l’informazione faccia scaturire una elaborazione, ponendo delle domande e cercando risposte a tutte e due le parti coinvolte, il che non succede quasi mai, e non può succedere, quando l’informazione ha le caratteristiche già viste della pura occasionalità.

Diverso sarebbe il caso se la comunicazione tra famiglia e scuola potesse essere costante e regolarmente aggiornata, se il genitore potesse seguire con puntuale regolarità i progressi del figlio, se potesse conseguentemente rendersi conto di ciò che sta dietro agli alti e bassi dell’andamento e fosse formulato con chiarezza qual è l’apporto che gli si richiede.
A me pare che solo in questo nuovo rapporto si può creare la condizione attesa dall’insegnante, vale a dire del coinvolgimento del genitore sui problemi educativi che la scuola ed egli stesso avanzano.
La tesi, quindi, che voglio porre è che comunicazione informata deve essere un processo costante che costruisce con regolarità il rapporto ed è perciò essa stessa un momento altamente formativo da cui non si può prescindere.
Questa nuova attesa, perché sia concretamente possibile, richiede un costante flusso di informazioni nel senso più ampio (non solo risultati di prove, interrogazioni, ma scambio il più possibile completo sul progredire educativo, culturale e scolastico dell’alunno).
Qualche esperienza di semplice scambio epistolare, già svolta in qualche classe a livello sperimentale tra insegnante e famiglia, ha rivelato che entrare in questa nuova dimensione dell’informazione è possibile e promettente.
Come sarà illustrato in questo incontro il progetto keystream non va visto come un “registro elettronico” per “informare” o, anche, per controllare esattamente quanto e quando l’insegnante interroga. Se contenesse solo i voti e i giudizi sarebbe soltanto questo, e alla fine, non sarebbe molto di più della visita, solo più frequente, del genitore a scuola, ma deve diventare uno strumento “informativo-formativo” del genitore stesso, per questo va curato e gestito da parte dell’insegnante come settore importante della sua programmazione, alla quale va dato tutto il tempo necessario.
Ovviamente, si spera, che il ritorno di questo lavoro in più sia ricambiato da risultati visibili che facilitino il suo compito. Naturalmente l’avvio spetta alla scuola o, meglio, alla buona volontà dell’insegnante. Le tecnologie ci sono, non sono costose né difficili da usare, ma il “fattore umano” (la convinzione e la scelta, quindi l’acquisizione di nuove metodologie di azione) è precedente alla conoscenza ed è irrinunciabile. Senza di questo non ci fa nulla.
Soltanto accenno ad una seconda problematica aperta: quello che riguarda l’aggiornamento dell’insegnante.


SITO INDIPENDENTE sponsorizzato da "Didatec"   

© Didatec di Urbani Francesco - Via Galvani, 33 - 36078 Vladagno (VI) P.I. 03601840246

Cerca

Esercizi

Job Scuola, propone in via sperimentale una serie di esercizi GRATUITI di Matematica per la Scuola Elementare e Invalsi (già attivi) e per la Scuola Media (in costruzione).

Gli esercizi di matematica vengono proposti come ripasso ed esercitazione per migliorare la velocità di elaborazione, come ripasso prima del ritorno a scuola e per il recupero scolastico.

Se trovate qualche errore Vi saremo molto grati per una segnalazione; scrivete qui; grazie.

SPONSOR

Tecnologie per la didattica.

 

Collabora con noi !!

 

 

Aiutaci ad arricchire, in base alle tue esperienze nella formazione, questo sito, proponendo articoli sulle tematiche della scuola che ritieni interessanti per proporre una didattica alternativa, più moderna e più efficace. Raccogli e invia le tue idee, i tuoi progetti, le tue riflessioni per far crescere il mondo dell'appren dimento anche con i tuoi contributi.

RSS
SITO INDIPENDENTE sposorizzato da "Didatec"  Internet provider